Ottimizzare il sito per mobile: perché è ormai un must per la SEO e la User experience

Tre secondi: è il tempo che hai per catturare l’attenzione dei tuoi utenti.

otimizzare-il-sito-per-mobile
otimizzare-il-sito-per-mobile

Con il nuovo Google Mobile-First Index, per riuscire a farlo probabilmente avrai bisogno di cambiare approccio rispetto al passato. Ecco perché un sito mobile-friendly è ora più che mai imprescindibile

Mai sentito parlare di Mobile-First Index? Si tratta del nuovo processo di indicizzazione adottato da Google a partire dal 1° luglio 2019 che si basa, per il posizionamento dei risultati di ricerca, sulla versione mobile di un sito web.

Se ti è mai capitato di leggere alcune delle guide messe a disposizione per gli utenti da parte della stessa Google, potresti aver notato che già da tempo il team di Mountain View invita a prestare particolare attenzione all’ottimizzazione del proprio sito web per i dispositivi mobili, poiché i siti mobile-friendly giovano di posizioni più elevate nei risultati di ricerca.

Questa preferenza per i siti ottimizzati per mobile è quindi dichiarata da tempo, ma dal marzo 2021 il giro di vite è diventato ancora più serrato.

Cosa significa esattamente tutto ciò? Cerchiamo di capire meglio in che modo stanno cambiando le SERP, cosa devono fare i proprietari di un sito per adattarsi a questa vera e propria “rivoluzione” e come ottimizzare pienamente un sito per i mobile devices.

Quando il traffico da mobile superò quello da desktop

Se già da qualche anno era iniziata la fase di roll-out del Mobile First Indexing, inizialmente con una semplice preferenza per i siti mobile-friendly per stilare l’indice dei risultati, a partire da marzo 2021 l’algoritmo di casa Google considera nel processo di definizione del ranking solo la versione mobile di un sito. Un cambio di paradigma solo apparentemente sottile, ma in realtà di grande impatto, che può far scendere notevolmente un sito web in SERP. Per quanto rivoluzionaria, la decisione non ha niente di inaspettato, anzi: era solo questione di tempo. Questo perché la tendenza fortemente in crescita negli ultimi anni era sotto gli occhi di tutti: la maggior parte del traffico sul web proviene da dispositivi mobili.

È stato il 2016 l’anno in cui, per la prima volta, il traffico internet da smartphone e tablet ha superato quello da desktop, con un 51,3% contro il 48,7%. Sebbene in un primo periodo il trend fosse trainato principalmente dai mercati emergenti, tra cui a spiccare era l’India, con il suo 75% di traffico online da mobile, la tendenza in crescita era già inequivocabilmente tracciata: in alcuni paesi prima, in altri dopo, ma il traffico da desktop era destinato a subire un netto sorpasso.

La decisione presa dal colosso di Mountain View era quindi prevedibile: se fino a qualche anno fa lo spider di Google, per compiere le sue analisi e determinare il ranking dei risultati di ricerca, indicizzava i siti sulla base della loro versione desktop, d’ora in poi sarà fondamentale ottimizzare principalmente la versione mobile, la nuova prediletta. Già da qualche anno, peraltro, Google aveva svoltato chiaramente in direzione di una sempre maggiore prevalenza del fronte mobile su quello desktop. La scelta in partenza da marzo 2021, quindi, è stata solo l’ufficializzazione di una pratica che già bolliva in pentola da prima. Questa pratica è appunto il Google Mobile-First Indexing e “obbliga” a sviluppare siti ottimizzati e responsive per le visualizzazioni da dispositivi mobili. A meno che non si voglia rischiare di essere tagliati fuori dalla SERP.

User experience nei dispositivi mobile: l’importanza di un sito mobile-friendly

Ti è mai capitato di navigare un sito dal tuo cellulare e dover per forza ruotare lo schermo, scrollare in orizzontale, ingrandire il testo, o cliccare più volte su un bottone che proprio non vuol funzionare? Ecco: ti sei certamente imbattuto in un sito non responsive. Il risultato? Hai probabilmente lasciato il sito dopo pochi secondi alla ricerca di uno più comodamente leggibile e facile da navigare.

Il campanello d’allarme che molti webmaster hanno già da tempo recepito è proprio questo: un sito che non tiene conto della user experience nei dispositivi mobile ha molto da perdere in termini di sessioni e quindi, potenzialmente, conversioni. Una strategia di marketing efficace non può permettersi di chiudere un occhio, o addirittura entrambi, di fronte a questa evidenza.

Secondo le dichiarazioni della stessa Google, i siti non ottimizzati per i dispositivi mobili rischiano di essere abbandonati dagli utenti 5 volte in più rispetto ai siti mobile-friendly. L’esperienza di navigazione degli utenti è la metrica finale fondamentale per valutare eventuali modifiche alla vista e alle funzionalità del tuo sito.

I vantaggi di adottare un design responsive, ossia una struttura flessibile, in grado di adattarsi automaticamente alle caratteristiche del dispositivo da cui avviene la navigazione e che non costringa a creare un sito – e di conseguenza un codice – diversi per la versione desktop e quella mobile, sono innegabili. Molti proprietari di siti web hanno già capito da anni l’equazione che segna una nuova epoca nell’indicizzazione di Google: user friendly uguale mobile friendly.

Come ottimizzare il sito per il mobile: gli step fondamentali

La prima cosa da fare, se sei proprietario di un sito ma non sai di preciso come comportarti per la gestione di questa delicata fase, è contattare un professionista per stilare innanzitutto una lista di obiettivi chiari, definire una panoramica del problema e rivedere poi lo sviluppo del tuo website in ottica di navigazione mobile senza commettere errori. Per partire con il piede giusto, serve infatti avere fin da subito un approccio mobile-oriented. Cosa significa? Tenere bene a mente che sarà necessario ragionare al contrario rispetto a come si era abituati, ossia ristrutturare il sito a partire dalla versione mobile e adattarla solo successivamente a quella desktop, rivedendo tipologia e dimensione dei font, immagini, video, colori, e tutti gli altri elementi del sito.

Vediamo quindi alcuni suggerimenti per ottimizzare il tuo blog o il tuo e-commerce per i motori di ricerca che si stanno spostando verso un’indicizzazione più mobile-friendly. I concetti fondamentali da non dimenticare in questo processo sono:

  1. Less is more. Tieni sempre a mente la differenza di dimensioni tra il desktop di un computer e uno schermo mobile: per un display notevolmente più piccolo come quello dello smartphone, dovrai eliminare tutti gli elementi di layout superflui e mantenere il testo in un’unica colonna per favorire la leggibilità. Non intaccare però i contenuti, se già ottimizzati! Sarà proprio il contenuto della versione mobile ad essere preso in considerazione dal browser di Google per l’indicizzazione.
  2. Keep the menu simple. In questa fase dovrai fare tua una massima cara ai ristoratori: il menù del tuo sito, così come il motore di ricerca interno, deve essere semplice e immediato. Meglio eliminare tutti gli elementi di complessità, suddividere il menu in categorie utili e chiare, e assicurarsi che la barra di ricerca interna sia ben visibile e funzionante, per permettere all’utente di trovare rapidamente e senza difficoltà ciò che cerca tra le pagine del tuo sito. In questo modo manterrai la navigazione agevole e fluida e incentiverai la permanenza degli utenti sul tuo sito web.
  3. Make it happen. Se il tuo obiettivo è aumentare le conversioni, non puoi tralasciare l’ottimizzazione di CTA, bottoni, link interni e tutte le altre funzioni che potrebbero portare il tuo utente mobile a diventare un cliente. Fa’ in modo che siano sempre interamente visibili e utilizzabili con facilità anche da schermi più piccoli del desktop.
  4. Get in touch. Ti è mai capitato di voler compilare un form di contatto dal tuo smartphone ma di arrenderti poco dopo perché dovevi continuamente zoomare la pagina, o perché il pulsante finale non era reattivo? Se eri particolarmente interessato, avrai magari pensato di accendere il pc una volta arrivato a casa, ma è probabile che un’ora dopo te ne fossi già completamente dimenticato. Assicurati che tutto ciò non accada anche ai visitatori del tuo sito: ottimizza le interazioni anche per gli utenti mobile e riduci al minimo indispensabile i passaggi necessari per compilare un modulo di contatto o effettuare un acquisto.
  5. Speed it up. Circa il 50% degli utenti mobile abbandona un sito se questo non si carica entro tre secondi. Tre secondi: un lasso di tempo brevissimo, che però diventa determinante quando si ricercano informazioni chiare, attendibili, e in fretta. Se la velocità di caricamento delle pagine era già un fattore importante per aumentare le visite da desktop, diventa imprescindibile per le sessioni da mobile. La visita a un sito web tramite smartphone è infatti generalmente più rapida, avviene spesso fuori casa o mentre si è impegnati in altro, e un sito con capacità di risposta fulminea è quanto mai fondamentale in questo caso.

Recenti studi hanno dimostrato che un solo secondo di ritardo nel caricamento di un sito può far perdere anche il 15% in termini di conversioni. Gli utenti sanno che se il tuo sito non ha una buona usabilità, o non è in grado di performare velocemente, sicuramente qualche altro sito in SERP saprà farlo. Se dall’analisi dei dati in Analytics vedi la frequenza di rimbalzo da mobile crescere e il conversion rate diminuire, è il momento di fare un passo verso il tuo utente: un sito web mobile-oriented, intuitivo e veloce, sarà il vero e proprio catalizzatore delle tue conversioni, per un business di successo.

Ti potrebbe interessare

Aumentare la velocità di caricamento del sito: la nuova sfida lanciata da Google

Aumentare la velocità di caricamento del sito: la nuova sfida lanciata da Google

La velocità in affari è sempre stato un mantra e le storie degli imprenditori di successo sono piene di intuizioni avute velocemente ed eseguite altrettanto velocemente. Bene, mai come oggi la velocità è il driver degli affari, e per un aspetto che fino a qualche anno fa si tendeva a sottovalutare: i tempi di caricamento del sito web aziendale. Se fino al 2010 avere un sito lento era la norma e faceva danni relativi, se non alla pazienza del visitatore e alla user experience, oggi è il male peggiore da evitare, soprattutto per un’azienda che punta sull’e–commerce (che non significa esclusivamente gestire un e-store).

leggi tutto

Compila il form per saperne di più

Controlla i Core Web Vitals e dai un boost al tuo business

Per configura la piattaforma abbiamo bisogno di informazioni e specifiche tecniche.
Fissa una call per approfondire